Meditazione e risveglio del sè

Meditazione e risveglio del sè

“…Siete tutti lampadine spente in un mondo buio, la cosa meravigliosa è che non siete lampadine bruciate, le lampadine spente si possono accendere e possono illuminare , più lampadine si accendono e più luce ci può essere nel mondo, un’altra cosa è meravigliosa, è che al mondo non esistono lampadine bruciate, tutti abbiamo la possibilità di illuminarci ed essere luce in questo mondo buio…”

Sw. Harish Rahasya

Nell’ accezione occidentale meditare vuol dire concentrare l’attenzione su qualcosa, pensarci per molto tempo al fine di trovare una soluzione ad un problema che ancora deve verificarsi, ma che ci genera ansia e preoccupazione, questa è una delle trappole della mente che mente, una trappola di depotenziamento che affligge la maggior parte delle persone è in particolar modo gli  occidentali ,che sostengono ritmi sempre più frenetici e vivono in automatismo, e cosa ancora più importante non ha niente a che vedere con la meditazione.

Allora cos’ è davvero la meditazione? Meditare vuol dire connettersi, connettersi con la parte più alta e profonda che abbiamo, con il nostro vero sé, nella meditazione c’è un unico ospite indesiderato che dobbiamo tenere rigorosamente fuori se vogliamo meditare davvero, questo è la mente.

La meditazione per sua natura è uno stato di non mente, è essere oltre il vorticare incessante di pensieri, la meditazione è silenzio e calma mentale, è l’azione nel non agire, è riposo ristoratore e rilassamento, ma soprattutto, la meditazione per quanto non ci sia mai stato detto o insegnato,  è il nostro stato naturale, a prova di questo ci sono state diverse ricerche in ambito scientifico e medico, ed i risultati che si sono ottenuti sono sorprendenti, tra i benefici riscontrati scientificamente ci sono:

  1. Riduzione del dolore e rafforzamento del sistema immunitario;
  2. Riduzione di depressione, ansia, rabbia e confusione;
  3. Aumento del flusso ematico e rallentamento della frequenza cardiaca;
  4. Senso di pace, calma ed equilibrio;
  5. Miglioramento di patologie cardiache;
  6. Blocco della mente e controllo dei pensieri;
  7. Aumento dell’energia individuale e miglioramento dell’utilizzo;
  8. Riduzione di stress e rilasciamento di tensioni.

La nostra mente è un motore in continua accelerazione, senza pause ne sospensioni, neanche quando andiamo a dormire, la mente continua a generare pensieri che si alimentano della nostra energia, e proprio come un virus, moltiplica i pensieri fino a prosciugarci, tuttavia la mente non è qualcosa di negativo, anzi , è uno strumento meraviglioso e potentissimo, ma nella maggior parte dei casi completamente indisciplinato e imbizzarrito,  non è possibile fermare la mente se non con un atto di volontà e consapevolezza, solo destrutturandola dalle false credenze depotenzianti, quando l’osservatore si distacca consapevolmente dalla cosa osservata che riconosce come qualcos’altro da se stesso e ne assume il controllo, solo allora,  avviene il silenzio mentale e solo dove c’è il silenzio mentale ci può essere meditazione.

Viviamo nell’eternità del qui e ora e non c’è ne rendiamo conto, perché nel qui e ora siamo immersi nel passato o nel futuro, momenti presenti già trascorsi o che ancora devono essere generati, perdendo la possibilità di vivere il vero momento presente, l’unica cosa che esiste, e non c’è ne rendiamo conto.

I corsi e le serate di meditazione sono condotti da Giulio Pennella (Sw.Harish Rahasya) OSHO® meditation trainer abilitato OSHO® Gautama Multiversity .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...